Recuperare le foto perse o cancellate accidentalmente? Con Linux è possibile

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Molti utenti avranno affrontato prima o poi il problema di perdere foto accidentalmente cancellate dalla propria fotocamera digitale o dalla memoria MicroSD abbinata al nostro smartphone.
Di solito l’operazione per recuperare foto è affidata a gente in teoria più esperta, come nel caso dei fotografi o alcuni negozi di vendita PC o assistenza.
Il problema che si è presentato nei giorni scorsi ad una nostra cliente di Bari è stato proprio questo, purtroppo inizialmente si è affidata ad un negozio di sviluppo fotografico il quale però si è dimostrato poco affidabile e maleducato, mettendoci più di una settimana di tempo per fare un’operazione che invece poteva durare al massimo 20 o 30 minuti.
Abbiamo proposto così alla nostra cliente di recuperare le foto dalla memoria SD e, dal momento che nel 2012 le abbiamo installato e configurato sul suo notebook Linux Mint, siamo passati a procedere con l’operazione tramite il nostro servizio di assistenza remota.

Recupero delle foto perse con RecoverJpeg

Dal mondo Open Source ecco la soluzione, RecoverJpeg è un pratico e semplicissimo tool che si usa tramite il terminale di Linux.
Le operazioni da fare sono le seguenti. Aprite il vostro terminale su Ubuntu, Linux Mint o derivate:

sudo apt-get install recoverjpeg

Naturalmente inserite la password di amministrazione e procedete.
Schermata del 2014-07-03 00:27:15
Ora dobbiamo creare la cartella dove il sistema salverà le immagini recuperate, in questo caso nella nostra Home siamo andati nella cartella Immagini e abbiamo creato la cartella, in questo caso l’abbiamo chiamata “Foto-Recuperate”. (come da immagine qui sopra)
Sempre nel terminale ora digitiamo il comando:

cd Immagini/Foto-Recuperate

Identifichiamo la posizione della memoria esterna dove sono le foto da recuperare.
Per farlo digitiamo da terminale il comando:

sudo fdisk -l

Schermata del 2014-07-03 00:38:23
Nel caso della cliente abbiamo aperto il “Gestore dei Dischi” su Linux Mint. Nell’ultima versione è sufficente scrivere nella ricerca solo la parola “Dischi” e abbiamo identificato l’unità da cui recuperare i dati, come da immagine qui sopra.
Per la cliente abbiamo trovato la posizione giusta, in questo caso la posizione era “/dev/sdb”, quindi da terminale abbiamo digitato il comando:

sudo recoverjpeg /dev/sdb

Il procedimento può richiedere da pochi minuti fino anche ad un’ora o più, questo a seconda dell’hardware in uso e in base alla quantità di foto da recuperare.
Schermata-del-2014-07-02-20-20-16
L’immagine qui sopra indica la schermata della cliente mentre operavamo tramite il nostro servizio di assistenza remota.
Il procedimento è durato circa 10-15 minuti per la prima SD, per un totale di quasi 3mila foto recuperate, mentre la seconda memoria da controllare aveva più di 8mila foto e ci ha messo qualche minuto in più.
In poco più di mezz’ora grazie a questo procedimento abbiamo recuperato circa 11mila foto.
E’ proprio il caso di dire che grazie a Linux si possono salvare “capre e cavoli” e permette di fare a meno di alcuni negozianti di servizi fotografici inetti e incompetenti, risparmiando di conseguenza denaro.
 

Print Friendly, PDF & Email


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Valentino Francesco Mannara LionheartV80 ©

Tecnico informatico, blogger, gamer nonché proprietario e amministratore del blog LionheartV80.com © - 2017, 2018 - tutti i diritti riservati. Amministratore e proprietario del blog NicePortugal.com ©

You may also like...

Leave a Reply

lionheartv80
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: