Liberi da Google e altre aziende che rubano i nostri dati. Come?

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Essere liberi… un concetto, una frase che affascina tutti, chi più chi meno.

Il problema di fondo è che nel mondo attuale nessuno di noi è davvero libero e la mancanza di libertà comincia proprio dalla violazione della nostra privacy.

Le grandi aziende del settore informatico e tecnologico non si sono limitate a fare il loro lavoro, purtroppo molte di esse hanno letteralmente abusato del loro potere.

Tale potere spinge la gente a credere che essere liberi vuol dire condividere in rete tutto quello che si desidera ma questo è vero solo in parte.

La parola “Free” in inglese vuol dire appunto “Libero”.

Il concetto di essere “Liberi”

Il semplice concetto di essere “Liberi” implica ben più che condividere foto o video ma qui parliamo di ogni spostamento che facciamo e ogni nostro dato personale.

Una pratica dimostrazione? Semplice, appena registriamo in rete alcuni nostri dati come ad esempio il numero di cellulare in breve tempo siamo puntualmente bombardati dai famigerati call center con proposte commerciali di vario tipo.

Tra parentesi… per bloccare questi emeriti rompiscatole basta utilizzare Security Master e costoro vengono identificati e bloccati, in alternativa potrete bloccarli voi stessi segnalandoli.

Strana coincidenza? No, perché il vostro numero di telefono lo conoscete solo voi e il provider di servizi telefonici ma quando cominciamo a compilare form e iscrizioni varie in rete tali dati vengono venduti a terze parti e spesso senza il nostro consenso.

Anche se nel contratto d’iscrizione vi compaiono le solite clausole il più delle volte vi chiedono di selezionare se accettare o meno tali accordi e come seconda opzione un’altra clausola che i vostri dati saranno inviati appunto a terzi per proposte commerciali.

Molte volte per iscriversi ad un determinato servizio quella seconda opzione l’hanno resa addirittura obbligatoria per usufruire del servizio che avete richiesto e questa è una palese violazione perseguibile per Legge.

Se per ottenere un determinato servizio implica essere letteralmente un loro “ostaggio” a fini commerciali è bene quindi ribellarsi e dire di NO a tutto questo.

Prendete quindi questa determinazione e prestate attenzione ad alcune possibilità di essere liberi, cominciamo così a conoscere alcune alternative disponibili dalle solite soluzioni che definisco “mangia-privacy“.

Soluzioni alternative libere

Ecco a voi una carrellata di soluzioni alternative e soprattutto che non cercano di rubare i vostri dati.

Il logo del motore di ricerca libero DuckDuckGo.

DuckDuckGo al posto di Google

Inutile parlare del più famoso motore di ricerca che però raccoglie costantemente i nostri dati e va a monitorare ogni interesse.

Invece DuckDuckGo non ha alcun interesse a raccogliere dati sensibili e quant’altro. Il motivo?

Lo spiega il suo fondatore, ovvero il CEO Gabriel Weinberg, che a questo link (in inglese) ha dichiarato quanto segue:

Condividete i vostri segreti più intimi con il vostro motore di ricerca senza nemmeno pensare: problemi medici, finanziari e personali, insieme a tutte le cose che fanno di voi quello che siete di giorno in giorno.
Tutte queste informazioni personali dovrebbero essere private, ma su Google non lo è. 
Su Google le tue ricerche vengono tracciate, estratte e impacchettate in un profilo dati per consentire agli inserzionisti di seguirti su Internet attraverso quei invadenti e intransigenti banner pubblicitari, utilizzando le massicce reti pubblicitarie di Google incorporate in milioni di siti e app.

Sempre nella medesima citazione Gabriel Weinberg parla del falso mito che per fare soldi bisogna spiare l’utente ma questo è estremamente sbagliato e personalmente aggiungo “demonico e mostruoso“.

Su Play Store è inoltre disponibile una pratica app del motore di ricerca libero che garantisce non solo completa privacy ma risulta essere un browser leggero e veloce per il vostro dispositivo Android, visto che pesa solo 11 MB.

Nonostante questo comunque riconosco che sul mio blog ho inserito la pubblicità di Google per finanziare e mantenere il medesimo ma ho fatto in modo che esso non sia invasivo e che comporti solo pubblicità utile.

Il logo ufficiale del servizio Open Source di posta elettronica, ProtonMail, in Svizzera.

ProtonMail al posto di Gmail, Hotmail, Yahoo, ecc.

Ebbene sì, anche nel caso della posta elettronica è bene prendere le distanze da Google, Microsoft, Yahoo e altre aziende in quanto i nostri messaggi e i nostri contatti sono costantemente monitorati e spiati.

ProtonMail infatti è la migliore soluzione libera e Open Source, visto che il codice è aperto e in più il data center di questo servizio è uno dei migliori d’Europa, dislocato in Svizzera sotto 1000 mt di solida roccia!

E dal momento che ho avviato operazioni in criptovaluta tramite servizio Wirex ho voluto avvalermi di questo servizio per evitare che le transazioni fossero monitorate da occhi indiscreti, senza contare che a prescindere non voglio essere spiato in nessun caso.

Il servizio di ProtonMail è gratuito per tutti fino a 500 MB di spazio per le nostre mail ma sono disponibili soluzioni professionali a pagamento per ulteriori esigenze.

ProtonMail si può usare tramite browser da qualunque sistema operativo ma può essere usato tramite la comoda App per Android o iOS.

Sul servizio Wirex per essere pagati in criptovaluta o per la compravendita delle medesime ne parlerò in un prossimo articolo.

Altre soluzioni alternative libere

Per evitare di scrivere lunghi articoli ecco un breve elenco di altre soluzioni alternative ai servizi “mangia-privacy”.

  • DTube al posto di YouTube, come menzionato mesi fa a questo link.
  • Wire al posto di Skype, soluzione Open Source e criptata alternativa alla famigerata e decadente soluzione di Microsoft per conferenze video anche multiple per uso personale e professionale.
  • Telegram al posto di Whatsapp e su questo argomento non si può dire nulla, visto che tutti sanno della palese violazione della privacy causata dalla famosa e famigerata app di messaggistica la cui proprietaria è appunto Facebook ampiamente riconosciuta come colpevole davanti alla corte europea. Mentre Telegram invece è software Open Source, criptato e sicuro, inoltre è molto più potente di Whatsapp e ha molte caratteristiche che ormai milioni di utenti stanno apprezzando ed è disponibile non solo per dispositivi mobili ma anche per PC (mentre WhatsappWeb per funzionare da computer ha bisogno di essere collegato costantemente al dispositivo mobile) ed è possibile installarlo in maniera nativa.
  • Minds al posto di Facebook e ne ho parlato mesi fa, senza quindi dilungarmi ulteriormente consiglio di leggere l’articolo pubblicato mesi fa sul social network Open Source.
  • OpenStreetMap al posto di Google Maps. Sebbene il servizio di Google sia utile le mappe Open Source sono ancora più dettagliate e utili anche per utilizzarle con l’app MapFactor GPS Navigation Maps al posto dei soliti TomTom e altri servizi che implicano il pagare inutilmente le mappe ad ogni aggiornamento, mentre le mappe di OpenStreetMap sono gratuite e mantenute da una comunità internazionale molto attiva.
  • In più aggiungo che utilizzare le mappe di Google sono collegate alla vostra posizione monitorate costantemente dal vostro GPS sempre attivo e se ne consiglia la disattivazione, visto che Google vi spia anche sotto questo aspetto monitorando ogni vostro spostamento. Su questo argomento vi rimando a questo link.

Se parliamo invece di sistemi operativi è chiaro che pure usare Windows comporta una violazione della vostra privacy e usare sistemi operativi Open Source migliora sensibilmente la vostra sicurezza e la vostra libertà.

Ho sempre promosso Ubuntu e uso costantemente la variante Ubuntu Budgie e mesi fa scrissi un articolo sul fatto che non è nemmeno necessario buttare via il vostro vecchio PC se funziona.

Per eliminare i propri dati da Google conviene prendere visione della pagina di supporto, così come il “diritto all’oblio“. Altri riferimenti qui.

Come avete potuto leggere in questo articolo ci sono molte soluzioni di cui potete avvalervi migliorando la vostra stessa sicurezza, la scelta spetta solo a voi.

Please follow and like us:

  • 0
Print Friendly, PDF & Email


  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Leave a Reply

lionheartv80