La differenza tra un tecnico informatico professionista e un negoziante d’informatica

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

Il settore informatico è piuttosto particolare ed è molto vasto, con tutta una serie di novità e servizi man mano che la tecnologia avanza.

Tuttavia c’è una cosa che in Italia non è mai cambiata, ovvero quello di concepire l’informatica quasi come un gioco da parte di falsi tecnici.

In particolare parlo dei soliti “tuttologi” e quindi di coloro che si approfittano dell’ignaro utente/cliente pensando settore con la speranza di grossi guadagni. 

In ogni caso il problema principale sono proprio gli utenti ignari di questi imbrogli e che costoro hanno invece un reale bisogno di aiuto e supporto.

In particolare le aziende che devono puntare sulla produttività anziché perdere tempo in numerose problematiche legate alla sicurezza, ai costi di licenza del software e ad altre problematiche.

Per questo motivo mi sono sentito spinto a scrivere questo articolo molto breve per illustrare le caratteristiche che distinguono un vero professionista del settore.

Ovvero la differenza tra noi tecnici informatici e il divario che ci separa dai soliti negozianti che vengono scambiati per tecnici quando invece non lo sono.

Come identificare i veri professionisti

Questo documento che vado a pubblicare spiega in maniera schematica come distinguere i veri professionisti da un ciarlatano.

In più potrete identificare molti problemi spiegati in maniera molto semplice.

Potete scaricare questo documento anche in formato PDF cliccando qui.

La legittima perplessità dei clienti

Molti clienti hanno espresso le loro perplessità quando hanno dovuto scegliere a chi rivolgersi per ottenere servizi di assistenza e consulenza informatici professionali.

Tra questi la scelta per un supporto informatica in ambito aziendale, logicamente per la piccola/media impresa e anche per i privati, la situazione non è di certo migliore.

La causa? Gli utenti sono regolari vittime di servizi scadenti o addirittura vengono presi in giro da personale incompetente.

Questa figura può essere quella del personale assunto in un centro commerciale che spesso non risulta nemmeno formato a causa anche della miopia delle aziende che non promuovono alcun valido corso di formazione interno nel campo tecnologico/informatico.

In altri casi si verifica assai spesso che gli utenti/clienti si affidano al solito amico, l’amico dell’amico, al cugino o addirittura (in Italia) arrivano ad approfittarsi del giovane che fa gli stage in azienda.

Specialmente quest’ultima figura fa spesso uso di software pirata, di conseguenza crea anche problemi legali all’ignaro utente.

Il motivo? Rincorrere il risparmio a tutti i costi e il risultato ovviamente lo vediamo tutti i giorni… risultati disastrosi, forte disinformazione e spreco di tempo e denaro.

Parlo ovviamente di sprechi di tempo e denaro perché costa di più avvalersi di un incompetente piuttosto che di personale tecnico adeguatamente preparato e con comprovata esperienza.

Anche a questo link viene ampiamente documentato questo problema.

Naturalmente in Italia si aspettano che tutti siano formati e capaci, tuttavia non si investe seriamente nelle formazioni di professionisti validi.

Quindi la maggior parte di noi professionisti siamo stati formati da un’esperienza sul campo durata anni, per non dire decenni.

A questo punto direi che gli argomenti toccati sono più che convincenti, il resto lo lascio a voi.

Print Friendly, PDF & Email


  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Valentino Francesco Mannara LionheartV80 ©

Tecnico informatico, blogger, gamer nonché proprietario e amministratore del blog LionheartV80.com © - 2017, 2018 - tutti i diritti riservati. Amministratore e proprietario del blog NicePortugal.com ©

You may also like...

Leave a Reply

lionheartv80
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: