Gaming su Linux, perché conviene e le periferiche di gioco ideali

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gaming, una parola che suscita nelle menti dei più giovani il concetto di divertimento puro, specialmente quando si parla della possibilità di giocare online con altri.

Ebbene… il gaming non riguarda solo i più giovani ma anche quei “ragazzoni” di quasi 40 anni come il sottoscritto che ama molto i giochi di guida.

Reduce quindi dal gaming che negli anni 80 ha visto titoli importantissimi su console come Commodore 64, Sega Megadrive e diverse altre console (Nintendo poi ha fatto la storia con Super Mario) è chiaro che c’era solo da scegliere.

Negli ultimi anni il gaming si è evoluto moltissimo, fino ad arrivare al pieno della sua potenza su PC e in particolar modo su sistemi Linux.

Gaming su Linux? Sì, grazie!

Un breve video che mostra le caratteristiche di questo fantastico sistema operativo basato su Linux.

Come diversi di voi sapranno e dagli articoli pubblicati sul blog utilizzo il sistema operativo Ubuntu Budgie e dal momento che sono anche un utente Steam gioco volentieri su tale piattaforma.

Diversi di voi però sono abituati a giocare forse su PlayStation 4 e Xbox, tuttavia il gaming su PC risulta essere migliore per via di prestazioni migliore e una maggiore versatilità.

Come ho accennato prima il gaming su Linux è salito alla ribalta solo negli ultimi anni grazie all’impegno di Valve su piattaforma Steam, mentre fino adesso era concepito il gaming PC su sistemi Windows.

I titoli disponibili per Linux infatti sono molto numerosi, tra queti posso citare titoli come:

  • Rocket League
  • Formula 1 2015 e 2017,
  • Dirt Rally e successivi,
  • Grid Autosport
  • Euro Truck Simulator 2
  • Deus Ex: Mankind Divided,
  • Cities: Skylines
  • e molti altri ancora.
La mia KITT su Rocket League

Personalmente possiedo infatti questi titoli e molto spesso mi trovate proprio su Rocket League guidando nientemeno che KITT, della celebre serie televisiva conosciuta in Italia con il titolo di Supercar (Knight Rider è il titolo originale).

Tutti questi titoli sono acquistabili su Instant Gaming a prezzi di gran lunga migliori di Steam, tuttavia appena acquistato il gioco potrete riscattare il codice seriale proprio sulla piattaforma di Valve.

Contrariamente a quanto si crede il gaming su Linux rappresenta una possibilità concreta anche per le software house e il motivo principale è proprio il codice aperto del kernel Linux e dei sistemi basati su di esso.

Android ne è un esempio lampante, tanto da diventare la piattaforma preferita da molti sviluppatori per il gaming mobile, senza contare che nel caso invece di un PC i sistemi Linux durano molto più a lungo sulle medesime macchine.

Mentre invece coloro che usano Windows hanno più difficoltà con le problematiche di sistema e il rilascio degli aggiornamenti per il sistema di Microsoft rappresenta un problema per l’utente finale e per gli sviluppatori stessi.

Alcune schermate dei titoli a cui gioco

La dimostrazione pratica del gaming su Linux di solito è quello di dare prove tangibili di quanto affermo, tuttavia anche se per ora non posso caricare video (a causa della mancanza di fibra ottica) posso comunque mostrarvi il livello di dettaglio dei giochi sul mio notebook.

Sul mio Asus ROG GL753VE, acquistato esattamente due anni fa, godo di prestazioni di tutto rispetto, infatti equipaggia un processore Intel Core i7 Intel® Core™ i7-7700HQ (6 MB di cache, fino a 3,80 GHz), ben 16 GB di memoria ram, insieme ad una SSD da 128 GB e un secondo hard disk da 1 TB dove archivio dati e giochi.

Infatti un PC adeguato è uno dei requisiti fondamentali per il gaming, anche su Linux, infatti su Ubuntu Budgie riesco a giocare senza alcun problema non solo grazie all’ambiente grafico leggero e veloce ma grazie anche alle librerie OpenGL e grazie soprattutto alla scheda video dedicata NVIDIA Geforce GTX 1050Ti da 4 GB.

Le schermate sopra mostrano alcune delle fasi delle mie partite a Rocket League, un titolo che non ha bisogno di presentazioni, e la grafica con il massimo dei dettagli è davvero spettacolare… e senza l’incomodo delle librerie DirectX di Microsoft, visto che le librerie OpenGL funzionano a meraviglia su Linux.

Nel 2016, infatti, la disponibilità di Rocket League per Linux ha fatto parecchio rumore, proprio come indica il video postato sopra e le performance sono strepitose!

Dirt Rally è un titolo che ho ottenuto gratuitamente grazie ad una promozione speciale durata pochi giorni su Humble Bundle e posso dire di essere davvero soddisfatto dalla qualità grafica e dal gioco stesso.

La performance di Dirt Rally su Linux è chiaramente evidente e il video qui sopra lo mostra in maniera spietata.

Grid Autosport è uno dei miei titoli preferiti e Codemasters è specializzata nel genere automobilistico. infatti la grafica è a dir poco spettacolare con i dettagli al massimo e il divertimento è praticamente assicurato.

E alla stessa maniera per Grid Autosport su Linux batte nettamente Windows 10.

E con il celebre titolo Deus Ex: Mankind Divided vestiamo i panni di Adam Jensen, un essere umano potenziato con parti del corpo meccaniche con proprietà cibernetiche ed è il protagonista del precedente capitolo Deus Ex: Human Revolution.

Sempre nel capitolo precedente lavorava come capo della sicurezza nelle Industrie Sarif, invece in Deus Ex: Mankind Divided è un agente della Task Force 29 dell’Interpol che cerca di fermare dei terroristi potenziati, mentre collabora con il Collettivo Juggernaut.

Grafica strepitosa e azioni di genere stealth, il genere che preferisco, anche se non amo le armi e ho fatto un eccezione per questo titolo in quanto gioco con questa serie dalla fine degli anni 90 con il primo capitolo di Deus Ex su PC, ambientato tra cospirazioni degli Illuminati e molto altro.

Inoltre posso scegliere se agire in maniera non letale o usare le maniere forti, pertanto ho scelto di proposito di evitare la dura azione proprio a causa del mio odio per le armi ma senza privarmi dell’azione pura.

Sopra nelle ultime immagini viene mostrata una scena molto divertente in cui ho stordito un soldato nemico ed è atterrato gambe all’aria ed è rimasto in quella posizione come un’idiota.

E anche Deus Ex: Mankind Divided fa sfoggio di tutta la sua bellezza con dettagli grafici molto elevati sul sistema Open Source.

E infine ecco sopra le immagini che ho catturato durante le mie sessioni di gaming con Cities: Skylines, quindi se siete amanti come me nella creazioni di città e gestirle in ogni minimo dettaglio questo è sicuramente il gioco che fa per voi.

Con le estensioni in vendita del gioco è possibile anche accedere alle modalità orientate alla Green Energy e creare così una città concentrata sulle energie rinnovabili e sul riciclo, il genere che preferisco di gran lunga.

Il gioco è talmente dettagliato che se vi avvicinate zoomando per le strade e per i palazzi sentirete il vociare di persone, bambini e perfino il latrare dei cani, oltre che sentire le sirene della polizia locale, pompieri ed ambulanze.

Il video sopra mostra anche in questo famoso titolo che Linux vince e le librerie OpenGL fanno il loro lavoro in maniera egregia.

Le periferiche di gioco consigliate

Per giocare al massimo ed essere nelle condizioni di godere al meglio le vostre sessioni è opportuno avere le periferiche adatte.

Nel caso dei giochi di guida è altamente consigliato un controller wireless, infatti il modello Trust GXT 545 è uno dei modelli ideali con il miglior rapporto qualità prezzo.

Infatti con un costo di € 32,69 su Amazon potrete giocare comodamente con molti titoli di guida, tra questi Rocket League e Grid Autosport e la compatibilità con Linux è garantita grazie ai driver integrati nel kernel.

Le sessioni di gaming hanno bisogno di cuffie adatte, infatti le cuffie Beexcellent GM-1 sono tra le più vendute su Amazon e hanno un buon isolamento da rumori esterni, inoltre sono dotati di magneti al neodimio per una qualità del suono eccellente.

I collegamento jack o USB garantiscono inoltre un’alta compatibilità e potete mettervi le mani sopra sempre su Amazon per un prezzo di soli € 19,99 IVA inclusa.

Il mouse da gaming anch’esso è essenziale, per questo motivo infatti acquistai il modello Tecknet HyperTrack ad alta risoluzione, dotato anche di pesi in metallo interni gestibili tramite un cassettino estraibile sul fianco destro in base alle nostre preferenze.

Ha un prezzo di soli € 26,99 su Amazon ed è un acquisto che consiglio caldamente.

E per concludere non un semplice tappetino per il mouse ma un vero e proprio mouse pad dalle dimensioni di 780 x 300 mm che permette di stare comodi sia da PC Desktop che da notebook che ci permette di giocare liberamente e senza intoppi.

In più è illuminato intorno da led multicolore, il tutto autoalimentato da porta USB che rendono ancora più gradevole il nostro piano di gioco e far scorrere il mouse liberamente e senza confini, senza contare che staremo più comodi noi stessi durante l’uso della tastiera.

Il modello del tappetino RAVER ha un costo di soli € 18,99 su Amazon.

Come potete quindi concludere non è necessario avere Windows per giocare ai massimi livelli ma addirittura tali limiti potrete superarli utilizzando proprio un sistema Open Source.

Pensateci sopra.

Please follow and like us:

  • 0
Print Friendly, PDF & Email


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related posts

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.