Delusi da Facebook? Tranquilli, ora c’è Minds

Spread the love
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Lo scandalo Facebook è stato il tema delle ultime settimane, sebbene fossero già sorte delle polemiche sulla mancata sicurezza e problemi con il nuovo algoritmo.

Di fatto il nuovo algoritmo di Facebook ha creato parecchi problemi in particolare a coloro che gestiscono pagine pubbliche collegate alla loro attività o azienda. 

Non nascondo che tali problemi li ho dovuti affrontare pure io in quanto bloccato già a Dicembre 2017 per una settimana e a Gennaio per circa 2 settimane.

Il motivo? Aver condiviso dei semplici post dedicati al Portogallo dall’altro blog che possiedo, ovvero NicePortugal.com.

Quindi non erano nemmeno post condivisi a scopo commerciale ma riportando solo esperienze o parlando dei posti in genere e fornendo ulteriori informazioni anche sulla pagina pubblica e dal gruppo che gestisco.

Di conseguenza ho preso delle serie contromisure e passo quindi ad illustrare.

Perché passare a Minds

Nelle ultime settimane ho parlato molto di Minds sui vari social network, tuttavia attendevo che uscisse fuori dalla fase beta e ora si può dire maturo.

Tuttavia già dal 2015 si parla di Minds (consiglio di leggere anche l’articolo linkato) in quanto è il social sostenuto dal gruppo Anonymous per combattere lo strapotere di Facebook a beneficio dell’utente spesso ignaro.

Già da molto ho creato il mio profilo su Minds che trovate a questo link e sono contento di vedere che molti dei miei amici e contatti accolgono il mio invito d’iscrizione.

Minds è un social network Open Source, una delle fondamentali differenze da Facebook in quanto di quest’ultimo se ne occupano solo gli sviluppatori interni (appunto software proprietario).

Ciò vuol dire che il codice sorgente di Minds è liberamente disponibile affinché collaboratori e sviluppatori di tutto il mondo possano contribuire al progetto.

Vi riporto pertanto quello che viene spiegato sul sito web di Minds:

Minds (Minds, Inc.) è una piattaforma di social networking gratuita e open source che ti premia per la tua attività online con entrate, valuta digitale e più visualizzazioni sui tuoi contenuti. Siamo costruiti su fondamenta di libertà, privacy e democratizzazione.

Minds.org è l’hub di decentralizzazione in cui puoi lanciare la tua app di social networking e il tuo sito web basato sul software gratuito Minds, che può essere privato o pubblico e federato.

Di conseguenza l’argomento “privacy e libertà” sono gli aspetti fondamentali di questo nuovo social totalmente innovativo, di conseguenza i diritti umani vengono garantiti e non siete oggetto di vendita dei vostri dati come invece accade sulle famose piattaforme social.

A tal proposito mi sono divertito a creare un meme divertente di Dwayne Johnson postato qui sopra per scherzare sulle scusanti da due soldi che la gente utilizza in quanto pigra e poco incline a imparare (ho caricato la versione in inglese a questo link).

Oltre a questo ecco altre caratteristiche che vi riporto esattamente come dichiarati sul sito ufficiale.

Altri dettagli nelle FAQ a questo link (in lingua inglese al momento).

L’economia interna di Minds è regolata anche dalla vostra attività sul social, quindi dai vostri contributi, dai vostri commenti, post, articoli sul blog e molto altro.

 

In base alla vostra attività guadagnerete i token, infatti 1 token equivale a 1000 (mille) visite sui vostri post, il cui massimo prefissato per l’account base è di 5 token per ogni post, ovvero 5mila visite (direi niente male).

Quando leggete o visualizzate un post di altri che seguite a vostra volta potete contribuire con i vostri token e donare quanto volete voi, in questo modo si crea un sostegno interno reciproco.

Tuttavia è possibile anche acquistare i token e scegliere a vostra discrezione come utilizzarli per rendere meglio visibili i vostri post, in particolare gli articoli che pubblicate sul vostro blog all’interno di Minds che potete condividere di conseguenza su altri social.

Eventualmente potete anche condividere tali contenuti integrando sul vostro browser come Chrome o Firefox l’estensione AddToAny che ritengo molto valida.

Il guadagno della criptovaluta/token dipende proprio dalla vostra attività sul social e dai contributi che ricevete, oltre che acquistarli.

Il pagamento di 5 dollari al mese (al cambio attuale circa € 4,07) permette a Minds di essere finanziato, specialmente per il comparto server.

Di conseguenza contribuire ad un beneficio simile come quello di un social sicuro e aperto risulta già questo uno dei migliori motivi per contribuire.

Viene garantito un Badge che verifica la vostra identità e autenticità sul social, in più avrete ulteriori vantaggi per il “boost” e rendere meglio visibili i vostri post.

Si potrà accedere anche ad altri moltissimi vantaggi per la pubblicazione su larga scala dei propri contenuti sul vostro blog incluso in Minds.

Oltre a ciò periodicamente durante tutto il mese, il team di Minds pubblicherà contenuti esclusivi per tutti gli utenti di Plus per dare un’occhiata più da vicino a ciò che accade dietro le quinte della sede.

Sarà inoltre incluso l’accesso agli hangout mensili con il team Minds per offrire agli utenti l’opportunità di porre domande e discutere idee.

I contenuti esclusivi di Minds continueranno ad evolversi man mano che il sito continua a crescere. Per info visitare il link.

Panoramica dell’app (Android)

Ho preparato per voi una breve panoramica con alcune schermate catturate dal mio smartphone Asus Zenfone Max per illustrarvi le funzioni.

In particolare rilievo è la chat che richiede una password di accesso a parte in quanto criptata, quindi nessuno può spiarvi in alcun modo e i vostri dati risultano inaccessibili a chiunque.

Panoramica delle funzioni da PC

La schermata che vi posto qui sotto vi mostra le funzioni assai semplici che appaiono dal computer usando Chrome o Firefox.

Dalla schermata sopra si evince che la caratteristica di Minds in termini di semplicità, innovazione ed immediatezza delle funzioni è quasi la stessa dell’applicazione mobile.

Di conseguenza occorre soltanto abituarsi a tale semplicità, ci tengo a specificarlo in quanto chi viene da Facebook l’impatto può essere problematico o addirittura si diventa erroneamente esigenti.

Specialmente la chat risulta più comoda ma anche la parte Blog, in particolare quest’ultima se vogliamo pubblicare regolarmente contenuti di pubblica rilevanza legati alla nostra attività o soltanto per condividere qualcosa.

In alto nelle impostazioni in particolare appare la schermata qui sopra postata, consente di scegliere cosa se collegare l’account a Facebook e Twitter (o anche farne a meno).

Oltre a ciò anche l’autenticazione a due fattori, questa in particolare quando effettuerete il login arriverà un sms in tempo reale sul vostro dispositivo mobile con il codice per autenticarvi.

Scegliere le notifiche e molto altro è importante, così non avremo la home intasata di cose che non vogliamo assolutamente visualizzare, compresi i contenuti per adulti (che consiglio caldamente di escluderli).

Invitare i vostri amici e i vostri contatti su Minds non è mai stato così semplice grazie alla funzione di referral link, di conseguenza guadagnerete token anche con le iscrizioni.

Quindi che aspettate? Direi che è il momento di liberarvi da qualsiasi forma di tirannia, di iscrivervi a Minds, scaricare l’applicazione per il vostro dispositivo Android o iPhone/iPad e cominciare a fare sul serio.

Se invece qualcuno trova sempre da lamentarsi che non è possibile fare chiamate e videochiamate direttamente dall’applicazione (nonostante sia molto stabile a differenza di Facebook) può sempre optare per i miei ripetuti consigli sull’uso di Telegram (al posto di Whatsapp anch’esso appartenente a Facebook) oppure Wire (al posto di Skype).

E posso assicurarvi che queste ultime applicazioni menzionate sono software Open Source e risultano per certo di gran lunga migliori e sicure dei pessimi Messenger e Whatsapp.

Dipende tutto dalla vostra volontà e vi incoraggio gentilmente ad escludere le scusanti pur di non applicare un cambiamento volto a migliorare la vostra sicurezza.

Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo con i vostri contatti… e vi aspetto tutti su Minds!

Tra parentesi… non mi sorprenderebbe se Facebook applicherebbe la censura anche a questo articolo e ai miei post per la terza volta in pochi mesi, solo per questo comportamento dovrebbe risarcire gli utenti, oltre alla violazione della privacy di cui Mark Zuckerberg in primis è colpevole.

Print Friendly, PDF & Email

Tecnico informatico, blogger, gamer nonché proprietario e amministratore del blog LionheartV80.com © – 2017, 2018 – tutti i diritti riservati.
Amministratore e proprietario del blog NicePortugal.com ©


Spread the love
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Leave a Reply

lionheartv80