Computer vecchio? Aspettate prima di buttarlo

Spread the love
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Iniziare con un titolo diretto non è soltanto il mio stile ma una precisa esortazione nel portare tutti alla ragione. 

Il motivo è molto semplice, viviamo in una società ormai incentrata sul forte consumismo e spesso non ci si accorge che stiamo buttando via anche molto denaro. 

Le soluzioni per rinnovare o addirittura migliorare quello che già possediamo esistono, basta solo essere informati. 

Essere informati però non basta, occorre anche un minimo di buona volontà e avere la mente aperta, anziché chiuderla in congetture o idee distorte. 

Passo quindi ad illustrarvi che cosa intendo dire, vale a dire che spesso non è necessario buttare via il nostro vecchio PC, sebbene possa funzionare ancora bene. 

Il computer non funziona più o ha solo degli intoppi?

Una semplice domanda che può farvi riflettere realmente su ciò che possedete. 

Sono ormai anni che svolgo assistenza e consulenza professionale e posso assicurarvi che spesso le persone ritengono che un computer non funzioni più solo perché risulta lento o considerato obsoleto. 

Ma non solo, alle volte si tratta soltanto di sostituire una batteria ormai bruciata, un alimentatore difettoso o magari soltanto sostituire l’hard disk o maggiorare la memoria ram. 

Cosa spinge però gli utenti a sbarazzarsi della loro attuale macchina?

Spesso dal desiderio di acquistare qualcosa di nuovo e non si rendono conto che in realtà tale computer ha ancora delle carte da giocare. 

Ad esempio… nel 2015, durante la mia permanenza a Malta mi era capitata l’occasione di portare via da una grossa azienda di betting (scommesse sportive) qualcosa come 90 portatili. 

Tuttavia solo il 20-30% funzionavano benissimo, gli altri erano completamente da rimettere a nuovo come nel caso del notebook Sony Vaio VGN-FZ38M del 2008 postato qui sopra. 

Questo notebook presenta dei problemi nativi in quanto riconosciuta come un tipo di notebook che scalda molto, tuttavia non per questo inutile. 

Si tratta soltanto di acquistare un supporto per notebook con le ventole di raffreddamento autoalimentate da porta USB. 

A questo portatile è stato sufficiente apportare una semplice manutenzione di pulizia e sostituzione dei pezzi difettosi, in questo caso la batteria bruciata e il masterizzatore con intoppi meccanici. 

Nel caso del masterizzatore si può tranquillamente rimuovere visto che oltre a consumare inutilmente energia ormai tali lettori col tempo andranno a cadere. 

Tuttavia la batteria da 5200 mAh su Amazon si trova tranquillamente al prezzo di € 30,90 ed è uno dei pezzi che sicuramente vanno acquistati, l’alimentatore poi ha avuto un costo di soli € 13,80

Quindi tali pezzi non sono di per sé costosi, si tratta soltanto di una spesa minima che permette però di riportare in vita una macchina perfettamente funzionante ed evitare sprechi di denaro e di gettare rifiuti inquinanti. 

Oltre a questo è bastato formattare l’hard disk togliendo di mezzo Windows 7 e installando Ubuntu Budgie 18.04 LTS (supporto a lungo termine fino al 2023). 

Posso infatti assicurarvi che funziona che è una meraviglia, in più con questo sistema basato su Linux si potranno fare ancora moltissime cose. 

I miei piani per i computer usati

Prossimamente passerò un periodo a Roma per valutare se mi trasferirò per un periodo nella capitale italiana e poi vedrò per l’estero. 

In ogni caso una delle tante cose che intendo fare è proprio quella di rimettere in sesto i computer dei clienti che possono tornare a funzionare benissimo e magari anche meglio di prima. 

Se il cliente invece intende sbarazzarsene nonostante comunque funzioni sarà mia responsabilità prelevarlo gratuitamente, rimetterlo in funzione acquistando i pezzi, installando un nuovo sistema operativo configurandolo ad hoc e andrà poi rivenduto. 

StartupStockPhotos / Pixabay

Perché gratuitamente vi domanderete? Semplice, se intendete buttarlo è chiaro che sarà mia specifica responsabilità valutare il da farsi e vedere se conviene a livello di costo in genere.  

Ovvero vedere e testare che cosa c’è nell’effettivo da sostituire ed eventualmente sarò io stesso a smaltirlo secondo disposizioni di Legge sui rifiuti elettronici

Fermo restando però che il cliente ha la responsabilità di accertarsi di aver salvato eventualmente tutti i dati presenti, altrimenti dovrò a priori formattare la macchina in questione, oppure se il cliente lo richiede dovrò fare un backup dei suoi dati e ovviamente questo comporta un costo che egli dovrà sostenere. 

Inoltre se vedo che il computer può benissimo tornare a funzionare regolarmente con una spesa contenuta dovrò investire io inizialmente il denaro per acquistare i pezzi che servono e quindi rivenderlo, ovviamente emettendo regolare fattura di tutto il lavoro eseguito insieme al valore del portatile stesso. 

Free-Photos / Pixabay

Per farvi un’idea un computer portatile come quello postato sopra con i pezzi acquistati, il lavoro impiegato di alcune ore, l’installazione del sistema operativo e la relativa configurazione potrebbe costare tutto incluso massimo 180-200 euro. 

Se pensiamo che tale portatile 10 anni fa costava sui 1700 euro circa e nonostante l’età sulle spalle torna in vita è comunque un bel risparmio per chi ha un budget estremamente limitato. 

Ovviamente la spesa può variare ma tutto sommato rimettere in sesto un vecchio notebook con un processore dual-core/quad-core con 4 GB o massimo 8 GB di memoria ram non andrà oltre i 300 euro. 

In più non andrà ad inquinare l’ambiente e se valutare invece di tenervi il vostro computer calcolare che può durare ancora diversi anni. 

C’è chi può storcere sempre il naso a priori, tuttavia molti non valutano che c’è sempre del lavoro dietro ed esso va rispettato. 

D’altra parte se il cliente vorrà ottenere ulteriore assistenza è chiaro che potrà optare anche per il supporto tramite assistenza remota

Quindi se vi fate due conti risparmierete moltissimo denaro in quanto spesso basta solo cambiare qualche pezzo e passare ad un sistema basato su Linux. 

A questo link trovate ulteriori consigli. Quindi pensateci su prima di valutare l’acquisto di una nuova macchina in quanto spesso non è necessario e in più preservate l’ambiente. 

Termino quindi l’articolo mostrandovi una bozza dell’eventuale volantino che andrei a stampare nel caso dovessi riuscire a lanciare una piccola campagna per esortare la clientela a ricredersi su quanto possiedono e in più svolgo pur sempre il mio lavoro. 

Print Friendly, PDF & Email

Tecnico informatico, blogger, gamer nonché proprietario e amministratore del blog LionheartV80.com © – 2017, 2018 – tutti i diritti riservati.
Amministratore e proprietario del blog NicePortugal.com ©


Spread the love
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Leave a Reply

lionheartv80