Computer vecchio? Aspettate prima di buttarlo

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Iniziare con un titolo diretto non è soltanto il mio stile ma una precisa esortazione nel portare tutti alla ragione. 

Il motivo è molto semplice, viviamo in una società ormai incentrata sul forte consumismo e spesso non ci si accorge che stiamo buttando via anche molto denaro. 

Le soluzioni per rinnovare o addirittura migliorare quello che già possediamo esistono, basta solo essere informati. 

Essere informati però non basta, occorre anche un minimo di buona volontà e avere la mente aperta, anziché chiuderla in congetture o idee distorte. 

Passo quindi ad illustrarvi che cosa intendo dire, vale a dire che spesso non è necessario buttare via il nostro vecchio PC, sebbene possa funzionare ancora bene. 

Il computer non funziona più o ha solo degli intoppi?

Una semplice domanda che può farvi riflettere realmente su ciò che possedete. 

Sono ormai anni che svolgo assistenza e consulenza professionale e posso assicurarvi che spesso le persone ritengono che un computer non funzioni più solo perché risulta lento o considerato obsoleto. 

Ma non solo, alle volte si tratta soltanto di sostituire una batteria ormai bruciata, un alimentatore difettoso o magari soltanto sostituire l’hard disk o maggiorare la memoria ram. 

Cosa spinge però gli utenti a sbarazzarsi della loro attuale macchina?Spesso dal desiderio di acquistare qualcosa di nuovo e non si rendono conto che in realtà tale computer ha ancora delle carte da giocare. 

Ad esempio… nel 2015, durante la mia permanenza a Malta mi era capitata l’occasione di portare via da una grossa azienda di betting (scommesse sportive) qualcosa come 90 portatili. 

Tuttavia solo il 20-30% funzionavano benissimo, gli altri erano completamente da rimettere a nuovo come nel caso del notebook Sony Vaio VGN-FZ38M del 2008 postato qui sopra. 

Questo notebook presenta dei problemi nativi in quanto riconosciuta come un tipo di notebook che scalda molto, tuttavia non per questo inutile. 

Si tratta soltanto di acquistare un supporto per notebook con le ventole di raffreddamento autoalimentate da porta USB. 

A questo portatile è stato sufficiente apportare una semplice manutenzione di pulizia e sostituzione dei pezzi difettosi, in questo caso la batteria bruciata e il masterizzatore con intoppi meccanici. 

Nel caso del masterizzatore si può tranquillamente rimuovere visto che oltre a consumare inutilmente energia ormai tali lettori col tempo andranno a cadere. 

Tuttavia la batteria da 5200 mAh su Amazon si trova tranquillamente al prezzo di € 30,90 ed è uno dei pezzi che sicuramente vanno acquistati, l’alimentatore poi ha avuto un costo di soli € 13,80

Quindi tali pezzi non sono di per sé costosi, si tratta soltanto di una spesa minima che permette però di riportare in vita una macchina perfettamente funzionante ed evitare sprechi di denaro e di gettare rifiuti inquinanti. 

Se pensiamo che tale portatile 10 anni fa costava sui 1700 euro circa e nonostante l’età sulle spalle torna in vita è comunque un bel risparmio per chi ha un budget estremamente limitato. 

Ovviamente la spesa può variare ma tutto sommato rimettere in sesto un vecchio notebook con un processore dual-core/quad-core con 4 GB o massimo 8 GB di memoria ram non andrà oltre i 300 euro. 

In più non andrà ad inquinare l’ambiente e se valutare invece di tenervi il vostro computer calcolare che può durare ancora diversi anni. 

C’è chi può storcere sempre il naso a priori, tuttavia molti non valutano che c’è sempre del lavoro dietro ed esso va rispettato. 

D’altra parte se il cliente vorrà ottenere ulteriore assistenza è chiaro che potrà optare anche per il supporto tramite assistenza remota

Quindi se vi fate due conti risparmierete moltissimo denaro in quanto spesso basta solo cambiare qualche pezzo e passare ad un sistema basato su Linux. A questo link trovate ulteriori consigli.

Quindi pensateci su prima di valutare l’acquisto di una nuova macchina in quanto spesso non è necessario e in più preservate l’ambiente. 

Volete sbarazzarvi del vecchio computer? Prima di farlo…

…potete valutare di consegnarlo direttamente al sottoscritto impedendo così il costoso smaltimento dello stesso.

I requisiti sono i seguenti:

  • che il computer abbia un massimo di 10 anni,
  • che sia funzionante sebbene presenti rallentamenti o altri problemi da comunicarmi,
  • che non sia gravemente danneggiato al punto di doverlo buttare via a priori,
  • che abbiate salvato i vostri dati prima di consegnarmelo in quanto dovrò formattare tutto.

Sarò io ad incaricarmi di sostituire eventuali pezzi danneggiati oppure obsoleti, ad esempio l’hard disk, la ram, il lettore cd/dvd, la tastiera, la batteria, l’alimentatore o altre periferiche.

Successivamente installerò un sistema operativo basato su #Linux e sarà quindi rivenduto ad un prezzo comunque concorrenziale ma che includa la manutenzione e la somma dei pezzi sostituiti.

Potete inviarmi il computer tramite corriere o tramite il servizio di Poste Italiane (es. Pacco Celere 3).

Per informazioni visitare il link postato qui sotto oppure telefonarmi al numero 347 7928006 (anche #Telegram o Wire), oppure via e-mail all’indirizzo info@lionheartv80.com. (da Lunedì al Venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 13.30 alle 18.30) 

Termino quindi l’articolo mostrandovi una bozza dell’eventuale volantino che andrei a stampare nel caso dovessi riuscire a lanciare una piccola campagna per esortare la clientela a ricredersi su quanto possiedono e in più svolgo pur sempre il mio lavoro. 

Please follow and like us:

  • 0
Print Friendly, PDF & Email


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Leave a Reply

lionheartv80